Vrabcová Nývltová correrà il Jizera Fifty, pensando alle Olimpiadi di Parigi

Aggiornare: 14.12.2021 14:18
Rilasciato:

Praga – Una coincidenza ha riportato Eva Vrabcová Nývltová tra i bianconeri. L’ex numero uno ceco dello sci di fondo ha accettato un’offerta per fare diversi sci di fondo su lunga distanza dopo un viaggio di sci di fondo di successo a settembre, ea febbraio sarà anche presente al Jizera Fifty. Ha iniziato a sciare in vista della maratona con l’obiettivo principale alle Olimpiadi del 2024 a Parigi.

«Non ho grandi obiettivi. Ho un numero limitato di corse e voglio ancora trascorrere l’inverno sugli sci», ha detto ai giornalisti il ​​detentore del record di maratona ceco, che ha terminato l’ultima gara della Coppa del Mondo di sci sei anni fa. Ora ha accettato di lavorare con la squadra ceca Silvini.

L’accordo è nato dopo il viaggio inaspettatamente riuscito di Vrabcová Nývltová a Erná Hora su uno skiroll. Si è lasciato convincere a partire la mattina prima della gara. «Non ho fatto nulla per due mesi dalla mia partenza fallita alle Olimpiadi e sono arrivato terzo. Non capisco come ho fatto», si chiede alla sua prestazione.

Dopo la gara, Marek Pazderský, capo della squadra di sci, è venuto a Vrabcová Nývltová. «Sono contento che si sia avvicinato a me», ammette il corridore 35enne. «Mi manca tornare in modalità corsa. È un po’ avvincente. È fantastico per me iniziare una grande gara».

La quinta donna dei Trenta Olimpiadi alle Olimpiadi di Sochi 2014 correrà due gare all’inizio di gennaio in Italia, poi La Diagonela in Svizzera e infine Jizera Fifty a febbraio.

Gli infortuni hanno contribuito al fatto che gareggerà nello sci di fondo. Alle Olimpiadi di Tokyo, dove si è corsa la maratona di Sapporo, ha avuto problemi ai muscoli dell’anca e della coscia destra e non ha terminato la gara. «Preferirei non menzionarlo», ha detto. Non gli piace ancora ricordare le condizioni ristrette causate dalle misure del coronavirus. «Non potevo nemmeno lasciare l’hotel per riscaldarmi la mattina. Non erano le Olimpiadi».

Gli esami dopo le Olimpiadi hanno rivelato un tendine leggermente fratturato alla gamba. «Probabilmente era legato al travaglio, i legamenti erano allentati e ho iniziato ad allenarmi presto», ha detto il corridore. Attualmente sta bene, ma ha ancora a che fare con uno squilibrio muscolare. «Ci sto lavorando a Hradec. La mia corsa è ancora limitata, i muscoli non funzionano molto bene. E lo sci mi è stato consigliato per essere pronto per questa stagione».

Crede di non aver dimenticato la tecnica dello sci di fondo. «Non ne ho paura», ha detto. Come maratoneta, può gestire giocosamente la durata della gara. Ma ha dovuto prepararsi per le specifiche della corsa a lunga distanza, lavorando insieme. «Le mie mani non hanno fatto nulla per sette anni, quindi sarà impegnativo. Ho fatto una sessione di allenamento e mi hanno fatto tutti male, ma spero che il corpo si abitui rapidamente», ha detto la sesta donna del Tour de 2015. Sciare.

Stava semplicemente sciando come parte della sua preparazione a lungo termine per la corsa su strada. Il bronzo della maratona agli Europei di Berlino 2018 ha un obiettivo chiaro davanti a sé. «Se la salute persiste, voglio durare fino alle prossime Olimpiadi», ha detto prima delle Olimpiadi di Parigi del 2024. «Accetterò quello che è successo allora», ha detto Vrabcová Nývltová.

atletica leggera corsa Vrabcová Nývltová

Elite Boss

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.